Se Gentile si è dimesso perchè la Barracciu no?

Antonio Gentile (Nuovo Centrodestra) si è dimesso dall’incarico di sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture. Aveva destato parecchio imbarazzo nella maggioranza l’accusa rivolta al senatore di Cosenza dal direttore de “L’Ora della Calabria” di avere fatto pressioni sull’editore e sullo stampatore affinché il giornale non riportasse la notizia dell’indagine per abuso d’ufficio, associazione a delinquere e falso ideologico nei confronti del figlio Andrea. Il quotidiano poi non arrivò in edicola a causa di un guasto alla rotativa. E’ probabile che lo stesso Angelino Alfano abbia convinto il suo plenipotenziario nel Cosentino a rassegnare le dimissioni, per non prestare il fianco alle critiche dell’opposizione. Però, per quanto il comportamento di Gentile, se dimostrato, sia censurabile, va detto che non ha neppure ricevuto un avviso di garanzia. Certo, non essere indagato è una condizione necessaria ma non sufficiente per provare la correttezza e la credibilità di un politico, però è inevitabile il paragone tra questa vicenda e quella riguardante Francesca Barracciu (Pd, nella foto), nominata nei giorni scorsi sottosegretario ai Beni Culturali, alle Attività Culturali e al Turismo. In qualità di ex consigliere della Regione Sardegna la signora è sotto inchiesta per peculato nell’ambito dell’indagine sulle spese dei fondi assegnati ai gruppi consiliari e proprio per questo motivo, nonostante avesse vinto le primarie con il 44 per cento dei voti, il suo partito ha ritenuto inopportuno candidarla alla presidenza alle recenti elezioni regionali sarde, sostituendola con Francesco Pigliaru. Invece la sua posizione di indagata non è stata giudicata altrettanto pregiudizievole al momento di nominarla sottosegretario. Fatto salvo il principio del garantismo, ci riesce difficile capire perchè le dimissioni di Antonio Gentile siano considerate un atto dovuto per non gettare un’ombra sul governo, mentre quelle di Francesca Burracciu non si ipotizzano neppure.

Copyright 2019 | Alessandro Pippione | CF: PPPLSN55R24B376U | Privacy Policy